Merluzzo alla mugnaia e broccoletti

Se cercate un’idea per un secondo di pesce adatto a tutta la famiglia, provate questa!
Fatta un paio di giorni fa, è stata un successo 🙂 E’ anche velocissima da preparare.
Io ho usato i broccoli surgelati, ma se preferite potete usare quelli freschi!

merluzzo-alla-mugnaia

Ingredienti x 4 persone:

  • 4 filetti di merluzzo (del peso di 150 g cad.)
  • 100 g di farina
  • 40 ml di olio extravergine d’oliva (o una noce di burro)
  • succo di 1 limone
  • prezzemolo tritato
  • sale
  • pepe
  • broccoletti surgelati

Lavate bene i filetti di merluzzo, asciugateli e infarinateli leggermente, cospargeteli di prezzemolo tritato, salateli e pepateli.
Fate leggermente scaldare l’olio (o il burro) in una padella antiaderente adagiatevi i filetti di merluzzo e cuocete ogni lato per circa 3 minuti… a questo punto aggiungete il succo di 1 limone completando la cottura a calore vivace, fino a che metà del liquido di cottura sarà evaporato.

A parte fate bollire in acqua salata i broccoletti surgelati, una volta ammorbiditi saltateli in padella con olio d’oliva.

Impiattate il pesce con i broccoletti come contorno.

 

3 comments on Merluzzo alla mugnaia e broccoletti

  1. Lara Baruffaldi
    18 Gennaio 2019 at 13:26 (1 anno ago)

    Salve ma da che età avete cominciato??la mia ha dieci mesi e non vuole mangiare nulla solo seno

    Rispondi
  2. Silvia Lonardo
    21 Gennaio 2019 at 10:56 (1 anno ago)

    Abbiamo iniziato l’autosvezzamento dopo i 6 mesi, mettendo solo dei piccoli assaggini sul seggiolone in modo che potesse prenderli da sola con le manine, per il resto integravo con il seno (l’ho allattata fino ai 2 anni, ma intanto mangiava anche cibo solido uguale a noi, niente pappe)

    Rispondi

1Pingbacks & Trackbacks on Merluzzo alla mugnaia e broccoletti

  1. […] Pranzo: Merluzzo alla mugnaia e broccoletti Cena: Panino con hamburger + patatine + insalata […]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.