Come ho organizzato in casa il materiale scolastico dei bambini

Da quando i miei figli hanno iniziato le scuole elementari (sì, lo soche adesso si chiama “primaria” ma sono una nostalgica) ho sempre avuto un grosso problema: tenere in ordine il materiale scolastico.

I libri e i quaderni che utilizzano i bambini di oggi infatti sono davvero tanti e non sempre è facile trovare loro una collocazione in casa, nei giorni in cui non devono essere nello zaino.

La soluzione più scontata sembrerebbe quella di metterli nelle rispettive camerette, all’interno di una libreria.
Ma nel nostro caso, le loro camere si trovano al piano di sopra… mentre i compiti li svolgono sempre al piano di sotto. Così come al piano di sotto lasciano gli zaini.
Sarebbe stato scomodissimo dover fare ogni giorno su e giù per le scale con gli zaini e i libri, quindi abbiamo iniziato ad appoggiarli “temporaneamente” (che poi è diventato definitivamente) sulla libreria in soggiorno.

E se già quella libreria era abbastanza confusionaria di suo… con i libri ammucchiati sopra in bella vista era diventata veramente uno spettacolo orribile. Inoltre spesso ci si confondeva e il materiale di uno finiva nel mucchio dell’altro. Insomma, un disastro.

Così quest’anno mi sono decisa e ho liberato due scompartimenti del mobile tv e ho deciso di destinarli proprio a questo scopo!

Nei due ripiani sopra invece ci sono cose varie di cancellerie, comunque utili anche per fare i compiti.

Ma nei ripiani in basso, ben separati l’uno dall’altro, ci andrà tutto il materiale scolastico: A sinistra le cose di Alyssa e a destra quelle di Daniel.
Impossibile sbagliare.

Ma per essere ancora più sicura che non possano esserci errori da parte di nessuno (qualcuno ha nominato il papà?? Io no!), ci ho messo anche delle chiare etichette personalizzate!
Anche perchè l’anno scorso ho comprato quest’etichettatrice e dovrò pur trovare il modo di impiegarla 😄

Però se devo dire che effettivamente si è rivelata un bell’aiuto soprattutto quest’anno in cui, non potendosi assolutamente prestare nulla, ho dovuto etichettare tutto. Ma TUTTO compresa la bustina di plastica in cui riporre i fazzoletti usati oltre che i singoli pastelli e pennarelli.
Insomma, uno degli acquisti inutili meno inutile che abbia ai fatto.

Comunque, tornando al nostro mobile portalibri, una volta chiuso fa fuori non si vede nulla e quando devono prendere o riporre qualcosa, è chiaro e inequivocabile in che posto debbano farlo.

Ma la cosa più inspiegabile di tutto questo è: ma come ho fatto a non pensarci prima??

E voi? Come avete organizzati i libri e il materiale scolastico dei vostri figli in casa?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.