Il metodo dei 5 anelli per essere una mamma (e una persona) migliore

metodo dei 5 anelli per essere una mamma miglioreFonte immagine

 Premetto subito di non aver personalmente provato questo metodo. L’ho scoperto leggendo un articolo su MPMK e mi ha incuriosita, quindi penso che lo proverò.

In quel post si parlava di questo metodo come soluzione per imparare a smettere di urlare verso i propri bambini, ma secondo me è un’idea che si può applicare in un sacco di altre circostanze per migliorarsi e per tenere sotto controllo atteggiamenti che vogliamo correggere (anche non relativi ai bambini)

Tutte noi cerchiamo di essere delle buone mamme, di migliorarci, ma tutte noi abbiamo dei punti deboli. Abitudini troppo radicate, modi di reagire che non ci piacciono ma che facciamo fatica a controllare, atteggiamenti che sappiamo essere sbagliati ma che poi teniamo lo stesso (salvo poi pentircene subito dopo o anche durante).

Il metodo dei 5 anelli è un modo per migliorarsi semplicemente essendo onesti con noi stessi. Come? Ricordandoci in modo tangibile ciò che facciamo.

Occorrente:

Quello che ci serve sono 5 piccoli anelli. 
Bastano 5 anellini di bigiotteria, o anche 5 elastici! Non andate a spendere dei soldi (a meno che non siate allergiche a qualche materiale).

Il piano è semplice:

iniziate ogni giorno con tutti e 5 gli anelli sulla mano destra (stesso dito o dita diverse) e spostatene uno nell’altra mano ogni volta che avete un intoppo.

Cosa si intende per intoppo? Dipende da voi e dalla motivazione che vi ha spinti ad indossarli.
Ad esempio, se avete deciso di smettere di forzare il bambino a mangiare, spostate un anello ogni volta che tentate di convincerlo o gli mettete pressioni durante il pasto.
Se volete imparare a mantenere la calma, ne spostate uno ogni volta che perdete la pazienza.
Se lo scopo è smettere di andare a smangiucchiare fuori pasto, spostatene uno tutte le volte che andate di nascosto a sgraffignare un kinder dalla credenza (…ok, questa sono io :P)
Insomma, il concetto mi sembra chiaro. Datevi uno scopo e spostate un anello ogni volta che infrangete le regole.
E non barate!!

il_570xN.656063947_l3ywFonte immagine

All’inizio potrà sembrare difficile. Si tratta di andare a modificare delle parti di noi ben consolidate e potrebbe non piacerci ciò che vedremo. Ma bisogna tenere duro. Se la mano sinistra è già piena di anelli prima dell’ora di pranzo, ricordate soltanto che ci state lavorando su e che tutti devono iniziare da qualche parte.

Passate il dito sui 5 anelli e ricordate a voi stessi che state facendo del vostro meglio per migliorarvi.

Con il passare dei giorni dovreste vedere che il numero di anelli che passa da una mano all’altra diminuisce sempre più, fino ad arrivare al punto in cui non sarà più necessario indossarli.

Che ne pensate?

Share Button

14 comments on Il metodo dei 5 anelli per essere una mamma (e una persona) migliore

    • Silvia Lonardo
      27 Aprile 2015 at 6:48 (4 anni ago)

      Grazie!! onorata 😀

      Rispondi
  1. Stefano Belli
    27 Aprile 2015 at 6:04 (4 anni ago)

    una buona idea ma bisogna avere la costanza di attuarla .

    Rispondi
  2. Stefano Belli
    27 Aprile 2015 at 6:04 (4 anni ago)

    una buona idea ma bisogna avere la costanza di attuarla .

    Rispondi
  3. annalena
    27 Aprile 2015 at 6:37 (4 anni ago)

    Veramente molto bello! Ma se si hanno intoppi in diversi settori? Ad esempio 1_Non arrabbiarsi, 2_Non mangiucchiare, 3_Non lasciare le cose fuori posto: che ne pensi, secondo te sono meglio 3 dita con 5 anelli per dito oppure un solo dito con 5 anelli che si spostano su dita diverse della sinistra? Oppure concentrarsi su un problema alla volta?

    Rispondi
    • Silvia Lonardo
      27 Aprile 2015 at 6:48 (4 anni ago)

      Io direi un problema alla volta! Altrimenti secondo me si perde “il potere dell’anello” 😀
      Fare magari un mese per ogni proposito, a rotazione!

      Rispondi
  4. Silvia Lonardo
    27 Aprile 2015 at 6:49 (4 anni ago)

    Di niente!! Fammi sapere se funziona allora 😀

    Rispondi
  5. Silvia Lonardo
    27 Aprile 2015 at 6:49 (4 anni ago)

    Di niente!! Fammi sapere se funziona allora 😀

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.