Progetto giùlapanza: Wanna be a Runner

Quando fai due figli in 3 anni il fisico ad un certo punto inizia a dare segni di cedimento (fingiamo che non ci fossero già da prima e diamo la colpa alle gravidanze….ssshhh!) perciò una volta spanzato e passati i primi mesi di allattamento intensivo (che qua dopo 13 mesi è più intensivo di prima ma ancora ssshhh) arriva il momento in cui ti guardi, capisci che non puoi continuare a portare i pantaloni premaman per sempre e che non c’è foto abbastanza dall’alto che possa nascondere la realtà…insomma ormai sei convintissima: da oggi a dieta. No scusate, da oggi no…ma da domani cascasse il mondo sì. Aspetta un attimo, domani è mercoledì, allora non è possibile….comunque da LUNEDI’ dite quello che vi pare, ma io inizio un’altra vita. Poi va beh…ci sono le feste….ma con l’anno nuovo la dieta state certi che non me la toglie nessuno.
Ecco questo è stato più o meno il mio percorso.
Con l’anno nuovo, precisamente dal 7 gennaio (perché alla befana non te lo vuoi mangiare un dolcetto?) ho cambiato drasticamente le mie abitudini alimentari.
Volete fare come me? E’ facilissimo: fate 2 figli, fatto? Ora comprate una casa con le scale e fate su e giù su e giù su e giù millemila volte con loro in braccio, Funziona! Ma non basta e vedremo il perché.
La gente che mi vede mi chiede “ma come hai fatto a dimagrire???” aspettandosi che tiri fuori una formula magica.
Ci restano male quando dico che ho semplicemente iniziato ad evitare tutti i fuori pasto (niente più dolcino dopo pranzo, sigh), a mangiare sano e a mangiare meno.
Perché la tiroide quanto ti pare.
Gli ormoni quanto ti pare.
Le ossa grosse quanto ti pare.
Ma ad un certo punto se c’hai la trippa è perché
1) TE PIACE MAGNA’.
2) CULO PESANTE
Era il motivo per cui io avevo la ciccia e il motivo per cui chi ha la ciccia ha la ciccia. C’è poco da girarci intorno.
Vediamo il punto 1: adesso mangio meno, mangio meglio ma mangio tutto! E poi sperimentare varianti light delle ricette è pure divertente (poi ne metterò qualcuna anche qui).
A chi mi dice che per dimagrire non dovrei mangiare carboidrati gli rispondo: vuoi che muoro??
Carboidrati a colazione, pranzo e cena come minimo. Ma sono le quantità ragazze…le quantità che fanno la differenza! E il fatto di non mangiarci pure un gelato o una torta al seguito magari.
Vediamo le FAQ:
E un kinderino? NO!
E un pezzetto di formaggio prima del caffè? NO
Il latte a colazione? NO bevi il tè (verde che è meglio, ne parlerò).
Ho già mangiato la pasta, ma posso accompagnare l’insalata con un altro po’ di pane? NONEEEE!
Posso andare al mc donald’s? SI! Ma ti prendi l’insalata.
E rubare due patatine dall’happymeal di mio figlio? Come posso dirtelo in modo carino…?? NO.

MA (eh sì, c’è un ma)

La dieta l’ho fatta. I kg li ho persi. La panza è rimasta.
E tutto il resto è di una mosceria che “cioè ti prego”.
E qui arriviamo al punto due: culo pesante.
Ma allora cosa fare?? Esercizio fisico ovviamente.
Ho provato con la ginnastica in casa, ma è finita così

addominaliAddominali fail.

Che alternative mi restavano? La palestra. Sì, ma a fare gli attrezzi mi rompo, per i corsi tipo zumbarallallero bisogna rispettare gli orari e io ho tempo solo la sera quando torna ilmarito e non torna sempre alla stessa ora, e poi magari finisce che vado a pagare per chiudermi in un posto per correre su un tapis roulant….e quindi la risposta si è manifestata da sola.
RUNNING
Che altro non è che il modo figo per chiamare la corsetta.
Sì ho deciso, voglio diventare una RUNNER.
Perché come diceva Newton (uno che di running ne sapeva a pacchi): Un corpo fermo resta fermo, un corpo che si muove continua a muoversi.
E allora muoviamo sto culo.
Non ho perso tempo: sono subito andata su zalando e ho ordinato un paio di scarpe da ginnastica (il fatto che non ne possedessi già un paio già la dice lunga…).
Poi sono andata su amazon e mi sono comprata un coso da attaccare al braccio per metterci dentro l’iphone e sentire la musica mentre RUNNEGGIO.
Mi sono scaricata la app di spotify e sto assemblando la mia running compilation così quando mi arriveranno le scarpe non mi farò trovare impreparata.
Quando arrivano? Ovvio Lunedì perché le cose o si cominciano il lunedì o il 7 gennaio, quindi tutto calcolato.

E intanto che aspetto che passi il weekend, continuo a collezionare immagini motivazionali su pinterest, tipo

cbe61a083aff521ac83ceb429be4448e

Suda come un maiale per essere come…una volpe? un lupo? un cane? Beh, comunque NON un maiale.

Mi sono pure fatta il poster motivazionele

niente scuse

Quindi ormai è deciso. Tra me e il fisico statuario manca tanto così… già mi sento awanasghenz solo all’idea di cominciare!!
Ilmarito ha già scommesso contro di me, ma gli dimostrerò che sbaglia e quando sarò supergnocca come questa qui

f5822528b11126a8f845c3c65e2d4908

passerò tutto il giorno a farlo sentire un ciccione!

PS: con questo post dò ufficialmente il via alla nuova categoria “MammaFitness” in cui parlerò dei miei progressi, delle mie scoperte e di tutto ciò che mi aiuterà ad avere il corpo di una dea!

venere_di_willendorf5

Magari non questa…

5 comments on Progetto giùlapanza: Wanna be a Runner

  1. Nicola
    29 Marzo 2014 at 13:45 (6 anni ago)

    Fai bene ad iniziare correre, una manna per chi vuole tenersi in forma ed ha poco tempo.
    Una preghiera però, non è che tutti quelli con problemi di peso sono tali perché sono golosi e pigri. Una buona metà di loro hanno molto probabilmente sviluppato una intolleranza ai carboidrati (alcuni ipotizzano che abbiano meno copie del gene AMY1) e per quanti sforzi possano fare non riescono a dimagrire se non cambiano regime alimentare. Possono letteralmente morire di fame senza perdere il grasso che fanno in corpo (ma perdono muscoli, questo sì).

    Rispondi
  2. Lucia Malanotteno
    29 Marzo 2014 at 16:44 (6 anni ago)

    daiiiiii!!! MItica! Io sa decente sportiva mi son trasformata in ameba… fortuna che ho occasione di camminare e pedalare per spostarmi altrimenti sarei tonda. Anche perchè ultimamente io e il carboidrato andiamo a braccetto!

    Rispondi
  3. lamammadisimone
    5 Aprile 2014 at 8:10 (6 anni ago)

    Buahahahahahah! Fantastica! Sto piangendo dal ridere! (però che amore i non-addominali fatti così!!!) Allora tu corsa dopo cena, io iscritta alla maledetta palestra (low cost e frequentata da anziani che mi fanno sentire gnocca, tranne uno che ha l’età di mio nonno ed il fisico di un personal trainer-ma come cacchio fa?!), ce la possiamo fare!!! Pancia piatta arriviamoooooooooooooo!!

    Rispondi
    • doroty86
      6 Aprile 2014 at 15:53 (6 anni ago)

      Io mi sono fatta male al ginocchio il primo giorno che sono andata a correre -.- ci ho riprovato dopo 2 giorni ma mi faceva ancora male…ho deciso di stare ferma una settimana prima di provarci di nuovo, intanto sto finendo di attrezzarmi con tutto l’occorrente tipo l’abbigliamento (mi sono resa conto di non avere una tuta…) e oggi ho comprato le cuffie a girorecchio perché le altre scappavano via e avevo dovuto mettermi in testa il cappello di mio figlio per tenerle attaccate all’orecchio…tutte cose che si imparano con l’esperienza 😀

      Rispondi

1Pingbacks & Trackbacks on Progetto giùlapanza: Wanna be a Runner

  1. […] quanto riguarda il progetto Running oggi si parte come da programmi. Anche se non mi è arrivato l’armband per mettere […]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.