Cosa puoi capire di me dal modo in cui mi vesto

Lo stile è un modo per dire chi sei, senza dover parlare.” Rachel Zoe

Se ci pensate, è proprio così: il modo in cui ci vestiamo, trucchiamo, gli accessori che usiamo… dicono di noi molto più di quanto dica una presentazione.
Prestando attenzione ai dettagli, con una sola occhiata possiamo capire moltissimo del carattere e dei gusti di una persona semplicemente dal suo abbigliamento.
E allo stesso modo, possiamo usare il nostro abbigliamento per fare in modo che gli altri colgano la nostra personalità.

Io non mi ci ero mai soffermata, ma pensandoci mi sono resa conto che dal modo in cui mi vesto in pratica si capisce praticamente tutto di me.

I capelli rosa: Fanno capire subito che non sono una persona seriosa e che sicuramente non faccio un lavoro che mi obbliga ad esserlo, ma al contrario, probabile sia legato alla creatività.
Il fatto di usare la mia testa come una tela richiama il mio lato artistico e la scelta del colore rosa il mio lato kawaii.

Scarpe basse: nonostante sia “alta” 1.50, è molto raro che io indossi i tacchi. E non tanto perchè li trovi scomodi (sì, anche per quello) ma soprattutto perché non voglio apparire più alta di quello che sono!
Io infatti vedo la mia altezza minuta come un pregio e mi piace che si noti.
Insomma, direi che non ho problemi di autostima legati alla mia altezza, anzi, mi sento a mio agio nella mia piccolezza perchè si abbina bene al mio lato infantile.
Inoltre senza i tacchi è molto più facile giocare, altra cosa che decisamente amo fare.

Pochi accessori: Se volete farmi un regalo che sicuramente non gradirò, regalatemi dei gioielli.
E più sono preziosi e meno mi piacciono.
I miei buchi alle orecchie ormai sono chiusi da tempi immemori.
L’unico ninnolo che indosso è una catenina leggerissima con i nomi di Alyssa e Daniel incisi su due sagome a forma di bambini e la porto solo perchè è talmente leggera che non mi accorgo di averla.
Da questo cosa si può dedurre? Beh, innanzitutto che sono una mamma (dalla collanina) e poi che non do molto peso all’esteriorità.
Accessorio gradito: un bel cappello caldo per coprirmi le orecchie d’inverno 😀

Lo zainetto: Eh no, non sono nemmeno una patita delle borse.
In genere opto per un pratico zainetto, che mi permette di distribuire il peso su entrambe le spalle e di avere entrambe le mani libere.
Le mani libere mi servono, perchè sono una curiosona che ama toccare quello che vede (io nei negozi se non tocco tutto non sono contenta).
E’ chiaro che preferisco la comodità all’eleganza e che mi porto dietro sempre parecchie cose. Si potrebbe capire anche che mi ritrovo spesso a viaggiare, infatti per i miei frequenti spostamenti in treno, lo zainetto è un amico inseparabile.
Infine, il motivo floreale indica spensieratezza e positività.

Unghie corte (e con lo smalto messo male): Le mie unghie sono sempre super corte.
Questo perchè disegno e scrivo tanto al pc e le unghie lunghe sarebbero scomodissime.
Se mi vedete con lo smalto, potete star sicure che sarà messo malissimo, infatti me lo mette mia figlia di 4 anni 😛

I temi sulle magliette: Vuoi un’idea sul genere di argomenti di cui mi piace parlare? Dai un’occhiata alle mie magliette! Nella maggioranza dei casi mi troverai in magliette a tema Disney, videogame, film e mondo nerd.
Insomma, se volete rompere il ghiaccio, non iniziate parlandomi di sport e gossip ;D ma se proponete una sfida a chi conosce più sigle dei cartoni animati, sono la donna che fa per voi!

Ogni tanto però mi piace anche sperimentare e uscire dai miei classici schemi.
Soprattutto quando vado a fare shopping con Alyssa, che invece è patita per gonnelline “frou frou” e ha un senso dell’eleganza molto più accentuato del mio, così mi lascio andare e mi metto a provare anche cose che normalmente non indosso spesso: pellicciotti, scarpe col tacco e vestiti particolari.

E alla fine la piccoletta a forza di “quanto sei bella mamma” mi costringe sempre a prendere qualcosa. Infatti devo ringraziare lei se quando il maritino mi porta fuori a cena in un posto carino, ho qualcosa i decente da indossare 😀

Eccoci qui, durante un pomeriggio di shopping da OVS in cui abbiamo giocato a creare degli outfit abbinati mamma e figlia.
I vestiti sono “chic”, ma come vedete, proprio non ci riusciamo a fare le serie 😉

Trovate il fotoracconto della nostra esperienza anche sul sito http://www.ovsekids.it da cui potete acquistare i bellissimi capi della nuova collezione OVS

Cosa dice di voi il modo in cui vi vestite? Ci avete mai pensato?

*In collaborazione con Ovs&Kids*

 

 

Share Button

1Pingbacks & Trackbacks on Cosa puoi capire di me dal modo in cui mi vesto

  1. […] Io da piccola mica ero così. Se avevo bisogno di qualche vestito nuovo, bisognava letteralmente trascinarmi nel negozio e tra sbuffi e “quand’è che ce ne andiamo?” alla fine sceglieva tutto mia madre chiamandomi in causa solo quando era necessario provassi qualcosa. I negozi di giocattoli, quelli sì che mi piacevano, ma quelli di abbigliamento…vade retro! Poi, con l’adolescenza, ho lentamente iniziato ad interessarmi all’argomento, ma sempre in modo molto limitato e sviluppando dei gusti un po’ rozzi, come vi ho già raccontato nel post “Cosa puoi capire dei me dal modo in cui mi vesto” […]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






*