Il nome del bambino: deve sceglierlo SOLTANTO la mamma.



Come dicevo anche nel post sui nomi per gemelli, io sono un’appassionata di nomi. Uno dei momenti più belli della gravidanza secondo me è proprio il momento della scelta del nome… quando è toccato a me scegliere un nome per i miei figli ricordo che visitavo siti di onomastica, forum in cui ci si scambiava idee e consigli, buttavo giù liste, facevo prove di scrittura per vedere come poteva apparire un’ipotetica firma, cercavo di immaginare come sarebbe stato il mio bambino e la mia bambina e quale nome avrebbe potuto rappresentare meglio quello che avevo visualizzato… insomma…mi divertivo un sacco!

lista nomi bambino

E devo dire che ci rimanevo male quando leggevo o sentivo quelle mamme che, con tono rassegnato, dicevano che il nome del loro bimbo era stato già deciso prima del concepimento in quanto erano obbligate a mettere quello del nonno o di qualche altro parente vivo o morto.
Nomi poi, che molto spesso non sono più nè attuali nè particolarmente graditi.
Io non riuscivo a trattenermi e confessavo che io non avrei mai potuto accettare che qualcun altro imponesse il nome da dare a mio figlio!
Posso capire che tra mamma e papà si possa cercare un punto d’accordo rinunciando magari alla primissima scelta in favore di un nome che piaccia ad entrambi…ma accettare passivamente un nome che proprio non piace MAI! Piuttosto litigo con tutta la famiglia e chiedo il divorzio (non scherzo!)

Beh, oggi scopro che a pensarla come me c’è anche lo psichiatra, medico e scrittore Raffaele Morelli, che in diretta su RTL 102.5 ha spiegato anche le ragioni scientifiche per cui il nome del bambino deve sceglierlo, addirittura senza interferenze, solo la mamma.
I nomi, spiega il professore, sono prima di tutto un suono…e come tutti i suoni (vedete ad esempio i gusti musicali) la loro percezione varia in base all’orecchio di chi li ascolta, perciò lo stesso suono e quindi lo stesso nome potrà piacere di più o di meno in base alla persona…ciò che è fondamentale però, per il bene del bambino, è che il suono del nome del piccolo piaccia alla sua mamma!

Durante l’intervista Morelli ha raccontato:

“Qualche giorno fa una signora che è incinta mi parlava del dibattito che ha in famiglia col marito e coi nonni sul nome da dare al bambino. Le ho detto: I nomi li devono scegliere le mamme, mai i papà! Mai chiamare i figli come i nonni perché ogni volta che la mamma lo chiama, se il suono è gradito alla mamma si crea una tattività, perché il suono è un tatto che tocca le orecchie quindi tocca la parte antica del cervello”.

Questo vuol dire che quando una mamma pronuncia il nome di suo figlio e lui si sente chiamare con un nome che a lei piace, la voce della mamma  “emette una vibrazione sonora che entra nell’affettività del bambino, che quindi si sente chiamato, riconosciuto” conclude Morelli. Per questo motivo “i nomi devono sceglierli sempre le mamme, mai papà, mai i nonni. Noi siamo prima di tutto un suono.”

Quindi care future mamme, nel momento in cui scegliete il nome da dare a vostro figlio, tenete conto di questa cosa! Dategli un nome che amate…perché quel suono vi accompagnerà e lo influenzerà per tutta la vita.

 

4 comments on Il nome del bambino: deve sceglierlo SOLTANTO la mamma.

  1. Lisa
    30 Giugno 2015 at 17:51 (7 anni ago)

    Lo stesso discorso vale anche per i papà però..pure i papà chiamano i figli e vorrebbero chiamarli con amore! Io sono per lo sceglierli insieme..le imposizioni di famiglia quelle no, non mi piacciono..

    Rispondi
  2. Paola Missoli
    1 Luglio 2015 at 14:56 (7 anni ago)

    Io lo trovo giusto, pensate a quanto amore mettono le mamme per cantare la ninnananna, quel l'amore puro che tocca il cuore e il cervello dei piccoli, cullandoli fino all'arrivo del sonno. Noi non ci accorgiamo ma la nostra voce, quando parliamo ai bimbi piccoli, cambia e quindi trasmettiamo serenità e sicurezza che saranno le basi per fargli affrontare la vita. Nulla togliere ai papà che rafforzeranno questo sentimento con la loro praticità nell'affrontare il quotidiano.

    Rispondi
  3. Michele Zampini
    1 Luglio 2015 at 20:34 (7 anni ago)

    Che stronzata! Cosa significa " siamo prima di tutto un suono " ????? I sordomuti cosa sono, niente ? Mah…

    Rispondi
  4. Michela
    2 Luglio 2015 at 14:38 (7 anni ago)

    Ciao! ti seguo da tempo e mi piace molto il tuo blog, da oggi è online il mio sito,un sito dove poter scambiare vestiti per bambini, inviando i vestiti dei tuoi bimbi ricevi delle stelline, con le quali potrai scegliere altri vestitini nel catalogo. Se vuoi provarlo posso mandarti un codice promozionale per avere l’iscrizione gratuita 🙂

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.