7 modi per essere una mamma positiva (e crescere bambini felici)

Fare il genitore è il lavoro più complicato al mondo… ma essere un genitore amorevole dovrebbe essere il primo e assoluto dono che facciamo ai nostri figli.

Non sempre è semplice anzi, non lo è nella maggior parte dei casi!

Pretendiamo troppo da noi stessi, non riusciamo a concentrarci a fare SOLO i genitori ma vogliamo essere anche perfette lavoratrici, mogli, casalinghe, cuoche e psicologhe… e tutte queste responsabilità spesso ci soffocano, ci stressano e ci portano a perdere la pazienza!

Cosi vanno a monte tutti i buoni propositi che ci eravamo promesse di rispettare una volta diventate mamme, continuando a colpevolizzarci e a non sentirci all’altezza… entriamo nel così detto circolo vizioso di pensieri negativi.

Il risultato? Siamo tristi noi e i nostri figli!

Ai bambini non interessa avere una mamma perfetta, ma una mamma POSITIVA che passi il tempo con loro a giocare, parlare, cucinare, uscire al parco o a prendere un gelato.
Per loro siamo delle eroine quando curiamo il ginocchio sbucciato, se di un foglio di carta facciamo un aeroplano o se li coccoliamo nel letto dopo che hanno fatto un brutto sogno.

Non gli interessa la casa ordinata se non possono spargere sul pavimento le costruzioni, avere vestiti puliti se non possono sporcarli giocando al parco, o che guadagniamo un buono stipendio se stiamo fuori casa tutto il giorno.

L’unica che che dovranno ricordare i nostri bambini è di aver avuto un’infanzia felice.

Ecco perciò la lista dei 7 modi per essere una mamma positiva:

1) pensare positivo: è importante guardare il bicchiere sempre “mezzo pieno” , anche il cervello va allenato e se lo abituiamo a vedere e trovare il bene in ogni cosa, ci porterà in ogni situazione a trovare il lato positivo.
Non arrabbiamoci con i nostri figli se non hanno sistemato perfettamente la stanza, spieghiamo loro con tono calmo e senza gridare ciò che va fatto e valorizziamoli quando lo portano a termine.
Facciamogli capire che non siamo “brontolone” ma che apprezziamo che ascoltino ciò che gli chiediamo di fare.

2) lasciar andare le cose e le persone negative: non concentriamo le nostre forze solo su ciò che non va, finiremo per essere sommerse dalla tristezza! Se rimaniamo ancorate a cose o persone che ci causano negatività, inevitabilmente lo trasmetteremo ai nostri figli.
Facciamo un bel respiro e ricordiamoci che il nostro benessere mentale deve essere tutelato

3) lascia andare il passato: non focalizzarti su cosa è successo in passato, indietro non si torna e accettare situazioni che ti hanno fatto soffrire significa poterle lasciare alle spalle e concentrarti a vivere il presente nel migliore dei modi.
Altrimenti rimarrai bloccata in un limbo che ti farà perdere di vista ciò che di bello puoi vivere oggi e nel tuo futuro.

4) fissa degli obiettivi di famiglia: tieni bene a mente un obiettivo da raggiungere insieme e decidi il “premio finale” che sia un bel viaggio, un pic nic al prato o una gita a Mirabilandia.
Per esempio i bambini potranno guadagnare il loro premio con un bel voto a scuola o sistemando regolarmente la stanza, la mamma preparando un buon dolce e il papà buttando ogni giorno la spazzatua.
Piccoli ma costanti obiettivi che vi facciano lavorare tutti per un unico risultato.

5) incoraggia i tuoi figli: parla molto con loro, chiedigli come si sentono, come va a scuola, con gli amici o con i compagni di sport.
Appendi al frigo un bigliettino di supporto se hanno un compito in classe o la gara di atletica, fagli sentire che ci sei anche se vogliono parlarti per l’ennesima volta del loro cartone preferito e fgli domande inerenti perchè possano capire che da parte tua c’è un reale interesse nell’ascoltarli.

Questo li porterà a sentirsi più sicuri di se e a fidarsi. Ad avere la consapevolezza che che ci sei per loro sempre, nelle piccole e nelle grandi esperienze della vita.

6) prenditi del tempo per ridere: anche quando la tua giornata sarà nera ricordati di non andare a dormire se non hai riso con loro. Che sia per una barzelletta o per la lotta del solletico, fatti trascinare dalle loro risate perchè hanno la capacità di sistemare anche la peggiore delle giornate

7) mantieni il contatto fisico: abbracciali e baciali; Questi gesti alleviano lo stress e riducono il malumore. Se ti senti triste o stanca, basterà sdraiarti un pò accanto a loro, stringerli al petto e dirgli che li ami.

E tu, cosa fai quando stai rientrando a casa e senti di essere di cattivo umore?

Riesci a trovare il modo di lasciare lo stress alle spalle e tirare fuori la mamma positiva che è in te??

 

Post di Sara Massimiani

 

 

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.