Supera anche tu la prova costume col metodo “sticazzi”!

Più si avvicina l’estate e più lo stalking da parte di sedicenti “coach” che vogliono venderci la formula magica del dimagrimento diventa insistente.

Le vediamo spuntare fuori come funghi. Ci mandano richieste d’amicizia (assolutamente disinteressate eh?), aprono discussioni all’interno dei gruppi per chiedere “voi quanti kg vorreste perdere?” per poi contattarti in privato se solo provi a lasciare una risposta e a volte vedi direttamente i profili Facebook delle tue amiche storiche subire una metamorfosi trasformandosi in una fotocopia di quelli di tutte le altre venditrici di beveroni/pastiglie/caramelle alle verdure/e non so che altro si siano inventati.

Che questi metodi funzionino o no non lo so, ma la mia domanda sorge spontanea: ma se ho la forza di volontà per sostituire un pasto con un beverone, secondo te non ce l’avevo anche per sostituirlo con, che ne so… un’insalata? Un petto di pollo? Insomma, con un’alimentazione light normale?

Cosa che oltretutto mi costerebbe molto meno rispetto ai prodotti venduti all’interno di questi “programmi”.

Ma se sono cicciosa è perché ME PIACE MAGNA’. Ma il cibo vero!
E lo so benissimo che se al posto del piattone di pasta alla carbonara mangiassi qualcosa di leggero e in più abbinassi dell’attività fisica dimagrirei.
Quindi a meno che non mi stai proponendo una cosa che mi faccia dimagrire mangiando pasta alla carbonara (e non IN SOSTITUZIONE) mentre sto seduta sul divano, il tuo programma non mi interessa.

Ah oltretutto tra i modi che usano per accalappiarti c’è quello di far presa sui punti deboli, cercando appositamente di farti sentire brutta per poi dirti “con me puoi migliorare!”.
Ma magari prima di leggere il tuo post mi piacevo già!

Oppure “sei pronta per la prova costume?”

Scusate, vi risulta che per indossare il costume bisogna superare un test d’ingresso?

Pensateci un attimo. A voi, quando siete in spiaggia, ve ne frega qualcosa della forma fisica degli altri bagnanti?
A me personalmente non me ne può fregare di meno. Non è una cosa su cui si sofferma la mia attenzione.

Perciò sono sicura che nessuno perderà tempo a guardare le mie cosce mollacchiose o i miei rotoletti.
Il peggio che può succedermi? Non rimorchiare il bagnino palestrato. Ma… sti cazzi?? E’ una cosa che non avrei fatto comunque, visto che a me piacciono solo i tipi nerd.

Perciò ragazze, se cercate un modo per superare con successo la prova costume ricordate: METODO STICAZZI

Ho i rotoletti
E sti cazzi?
Ho le smagliature!
E sti cazzi?
Ho la cellulite!!
E sti doppi cazzi??

Che poi basta trovare un costume in cui ci sentiamo a nostro agio. Ci sono talmente taaanti modelli in vendita che è impossibile non trovare qualcosa che faccia al caso nostro e che ci valorizzi.

Io ad esempio, che odio l’abbronzatura (lo so, sono strana) preferisco i costumi interi ma non mi è mai piaciuto come mi stanno addosso.
Quest’anno però ho trovato questo costume intero in stile “vestitino”, con la gonnellina che scende morbida e svolazzante lungo i fianchi e che segna un po’ il punto vita.
L’ho ordinato da Amazon QUI, l’ho provato e mi sta benissimo.

Ma ricordatevi, il costume deve rispecchiare i VOSTRI gusti, non quelli degli altri!
Perché, davvero, a nessuno frega niente dei nostri rotolini o delle nostre smagliature.

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.