La nostra prima BJD (economica ma bellissima)

Oggi torno a parlare di bambole.
Ho già parlato di bambole reborn, simil rebor, bambole di pezza, alternative alle barbie e anche di simil barbie incinte!

Questa volta tocca ad un tipo di bambola di cui non avevo mai parlato: le Bjd.

Bjd è una sigla che sta per “ball jointed dolls” e si tratta di tutte quelle bambole articolate con delle giunture “sferiche”.
La caratteristica delle “asian bjd” è la loro espressività che, per quanto abbiano in genere dei tratti molto “cartoon”, danno l’impressione di essere quasi vive.

Alcune di queste bambole sono dei veri e propri pezzi da collezione e possono arrivare a costare centinaia di euro, in genere non meno di 300, ma si può tranquillamente superare le migliaia di euro, soprattutto se si tratta di edizioni limitate o personalizzate ad esempio con del trucco dipinto a mano, decorazioni o vestiti handmade.

Ma oltre alle versioni più costose, ne esistono anche dei modelli più abbordabili, per chi vuole togliersi lo sfizio senza spendere troppo o intende usarle per giocare senza paura di rovinarle.

Io era da tanto tempo che ne volevo una ma sono appunto sempre stata frenata dai prezzi delle bjd da collezione.
D’altra parte, quelle economiche le trovavo sempre un po’ bruttine… poco espressive, dall’aspetto scadente. Perciò alla fine lasciavo sempre stare.

La settimana scorsa però, gironzolando sul sito di Banggood ho trovato questa, ad un prezzo al quale normalmente si trova solo il vestito, per questo genere di bambole.

Appena l’ho vista è stato amore! Mi chiedevo se per qual prezzo sarebbe davvero stata bella come in foto, ma ho deciso di correre il rischio e ho fatto bene, perchè quando è arrivata l’ho trovata ancora più bella di quanto mi aspettassi.

E’ arrivata ben imballata nella confezione e la prima cosa che ho notato è stato quanto fosse grande
Dalle foto mi ero immaginata una bambola più o meno delle dimensioni di una Barbie invece è molto più grande.

Il vestito, in stile Lolita, è fatto benissimo, è di cotone e non di qualche materiale plasticoso. Anche le scarpe sono carinissime e ben fatte.

E insieme alla bambola, c’era anche un sacchetto con diverse paia di mani di ricambio, per farle assumere diverse pose.

L’ho subito spogliata per vedere il corpo ed eccola qui, insieme a tutti gli accessori presenti nella confezione.

I capelli si possono staccare, per poterli sostituire con altre parrucche (cercate “bjd wig”, ce ne sono un’infinità, basta prendere quelle della misura giusta). Si attaccano semplicemente con il velcro e una volta messi non si tolgono facilmente quindi è possibile muovere tranquillamente la bambola senza paura che le cada la parrucca 😀

Per quanto riguarda gli occhi…questi cambiano posizione e colore spingendo una piccola levetta dietro la testa!
In questo modo le si possono far assumere 4 espressioni diverse.

E’ incluso anche un pedistallo per poterla mettere in piedi.

Anche Alyssa se ne è innamorata subito ^_^

Non vedevamo l’ora di giocarci e quindi il giorno dopo il suo arrivo ci siamo inventate una piccola storia, che trovate sul mio canale Youtube (è un canale prevalentemente dedicato ai bambini).
Lascio qui sotto il video, all’interno del quale potete anche vedere il movimento degli occhi in azione!

In conclusione, questa bambola ha pienamente soddisfatto le mie aspettative.
E’ molto divertente da mettere in posa e si presta bene per foto e video.
Ora voglio prenderle qualche vestitino nuovo e magari anche un altro paio di capelli, così potremo divertirci a cambiarla e trasformare una bambola… in tante bambole!

 

Se vi piace la trovate QUI ma ci sono anche altri modelli, con capelli e vestiti diversi 🙂 io ho scelto questa ovviamente perché aveva i capelli rosa 😀

Insomma, ve la consiglio se volete togliervi la soddisfazione di avere una bjd, senza spendere un capitale.
Magari poi scatterà la scintilla e passerete a quelle pregiate da collezione… oppure no.
Personalmente io mi diverto già con questa 🙂

Share Button

2 comments on La nostra prima BJD (economica ma bellissima)

  1. Sara
    19 settembre 2017 at 12:46 (1 mese ago)

    Che carina! Non conoscevo questo genere di bambole ma quando le bimbe saranno un po’ piu’ grandi ne comprero’ una. Per adesso ho un po’ di paura per via delle piccole parti staccabili… Buona giornata!
    https://chicchedimamma.com/

    Rispondi
  2. Priscilla
    19 settembre 2017 at 16:05 (1 mese ago)

    Bhè, particolare lo è sicuramente, mi fa un po’ impressione l’insieme delle mani intercambiabili ma tutto sommato mi attrae.
    Ora vado a dare un’occhiata al link che hai lasciato.
    Intanto grazie perché ho scoperto qualcosa di nuovo anche oggi.

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *