Aumentare follower e visite al blog – cosa fare e cosa non fare

In questo blog affronto temi legati alla maternità e ai bambini, ma tra le mamme che mi seguono ci sono anche diverse blogger o…aspiranti blogger! Spesso infatti ricevo email in cui mi vengono chieste dritte e consigli su come aprire un blog e su come fare per farsi conoscere.
Lungi da me voler trasformare “Cose da Mamme” in un blog di consigli tecnici sul mondo del digitale (anche perchè sono la prima ad avere molto da imparare) ma invece di rispondere ogni volta ad ogni persona che mi scrive (cosa spesso impossibile) ho pensato di pubblicare qualche post a tema, in modo che le informazioni possano essere a disposizione di tutti…e io non debba scrivere ogni volta le stesse cose 😀

Non inizierò da come si crea un blog (magari ci tornerò un’altra volta) ma voglio partire subito con un altro argomento: una volta creato il blog, come farlo conoscere alla gente??

Perché dare vita ad un blog e una pagina Facebook è facile, ma poi come si fa affinché gli altri si accorgano della sua esistenza e inizino a seguirti?
I social come Facebook aiutano molto perchè ti permettono di raggiungere abbastanza facilmente un sacco di gente, ma la cosa non è sempre così immediata.
Ovviamente la cosa più importante è scrivere qualcosa di interessante, utile, che le persone vogliono leggere, ma c’è da dire che a volte questo non basta.
Puoi scrivere benissimo e di cose fantastiche, ma se manca il pubblico non serve a molto.

Perciò, dando per scontato che ciò che scrivi e fai sia bello, ecco i miei suggerimenti per aumentare i follower su Facebook e in generale le visite al tuo blog.

Ps: parlo al femminile perchè in questo blog mi rivolgo alle mamme, ma sono consigli abbastanza generici che possono applicarsi a chiunque ^_^

COSE DA FARE PER AUMENTARE LE VISITE AL BLOG E I FOLLOWER SU FACEBOOK

1) Collaborare con altre blogger che hanno più o meno il tuo stesso numero di follower in modo che sia uno scambio alla pari, linkandovi (di tanto in tanto) dei post a vicenda nelle rispettive community.

2) Scrivere guestpost per blogger con un bel seguito in cambio di un link alla vostra pagina oltre a tutti i riferimenti al tuo blog all’interno del post.

Una mia “guestvignetta” per Suavinex pubblicata sulla loro pagina, ma con tag alla mia!

3) Ospitare guestpost di altre blogger che poi linkeranno sui loro profili social il post che hanno scritto sul vostro blog.

4) Oltre alla pagina Facebook dedicata al blog, può essere utile creare un gruppo, sempre legato al blog/pagina in modo che l’uno rimandi all’altro. Sul gruppo si potranno linkare i propri post, ma senza esagerare. Il mio consiglio è di non trattare il gruppo solo come una propria personale vetrina, ma come una vera e propria community (quale è!).
Un link alla pagina ufficiale all’interno di un post in evidenza sarà già utile e se posterete un link ogni tanto non darà nessun fastidio.
Il mio gruppo “Cose TRA Mamme” ormai ha preso una vita propria, superando i 60.000 iscritti, io però non lo considero una “cosa mia” come la pagina, il gruppo è di tutte le partecipanti… e quindi quando posto un mio link lo faccio in punta di piedi 🙂

5) Create e pubblicare in esclusiva per la vostra pagina contenuti e immagini virali, ovvero immagini che gli utenti avranno voglia di condividere! Questo permetterà di mostrare i vostri contenuti anche agli amici dei vostri follower che, seguendo il link, potrebbero diventare dei nuovi follower.

6) Cerca di avere tra le tue amicizie personali, tante persone che condividono l’interesse per l’argomento del vostro blog. In questo modo quando condividerai qualcosa sul tuo profilo personale, ci saranno molte mamme a vedere e magari ricondividere… senza però occupare spazi altrui, come avviene ad esempio spammando all’interno dei gruppi!
Attenzione però a non usare il profilo personale esclusivamente come vetrina pubblicitaria o otterrete l’effetto contrario!

7) Fate post che comprendano il coinvolgimento dei vostri follower come quiz, domande, giochini. Sarà divertente sia per voi che per loro e vi aiuterà a creare un legame e aumentare l’interazione.
Avete un dubbio riguardo una scelta da fare per il blog? Chiedete a chi vi segue! In questo modo, oltre a far sentire coinvolti gli utenti, sarà anche più facile prendere la decisione giusta 🙂

8) Scrivete delle recensioni di prodotti che vi sono piaciuti e di cui avreste parlato comunque, poi contattate l’azienda che produce/vende quel prodotto mostrando il vostro post e chiedendo se possono rilanciarlo sui propri canali social.
Prima però studiate un po’ le varie pagine social delle aziende per rendervi conto se sono soliti condividere post esterni oppure no.

9) Sponsorizzate qualche post. Basta anche 1€ per dare una piccola spintarella ai vostri post migliori che, se piaceranno al pubblico, una volta notati dalle persone raggiunte grazie alla sponsorizzazione, verranno letti e ricondivisi spontaneamente.

10) Aggiungete un widget ben visibile sul tuo sito che rimandi alla pagina facebook, ma assicurati che sia visibile anche da mobile (in pochi ormai usano il pc per navigare!).

COSE DA NON FARE 

1) Lo spam all’interno dei gruppi. Non è quasi mai ben visto dagli amministratori dei gruppi e rischiereste di essere bannati oltre che etichettati come “spammer”.
Se avete scritto un post che pensate DAVVERO possa interessare ad un determinato gruppo chiedete il permesso scrivendo un messaggio all’amministratore e pubblicate solo dopo aver ricevuto l’autorizzazione.

2) Troppi scambi di pubblicità. Il primo consiglio della lista delle cose da fare era quello di scambiarvi qualche link “alla pari” con altre blogger e questo va bene, purché non si esageri! Se la vostra pagina dovesse diventare tutto un “mettete mi piace alla pagina amica xxx” o una serie di link a contenuti non vostri, ci perdereste in immagine!

3) Lo spam via messaggio privato. Anche questa è una cosa piuttosto odiosa, e soprattutto evitate di aggiungere le persone alle vostre amicizie solo per poi chiedere loro di mettere mi piace alla vostra pagina o addirittura di invitare i loro amici a farlo.

4) Aggiungere gli amici al proprio gruppo senza chiedere loro il permesso. Facebook purtroppo (e sottolineo purtroppo) offre questa possibilità… ossia quella di creare un gruppo e poterci infilarci dentro senza nessuna autorizzazione chiunque vogliamo. Chi fa con me una cosa del genere finisce direttamente tra i contatti bloccati e in generale, sappiate che non è un gesto che vi farà salire nella classifica di gradimento.

5) Copiare. C’è chi pensa di poter crescere prendendo la scorciatoia di usare contenuti già belli e pronti, pensati e creati da qualcun altro. Questo sistema può effettivamente portare ad un aumento dei “mi piace” ma farà calare a picco la vostra credibilità e soprattutto non ci farete una bella figura agli occhi dei vostri “colleghi” e delle aziende che potrebbero essere interessate a collaborare con voi. Inoltre se doveste ricevere più di una segnalazione da parte degli autori delle immagini rubate, Facebook potrebbe bloccarvi il profilo o la pagina.

Sicuramente ci sarebbero molti altri consigli da dare, ma questi sono quelli che mi sono venuti in mente per primi. Non mi piace per niente “mettermi in cattedra” e dispensare consigli come se fossi un guru, ma se l’argomento “blogging” vi interessa, in futuro potrei scrivere altri post sul tema condividendo ciò che mi è sembrato di capire in base alla mia esperienza 😉

Per ispirarti leggi anche: 10 donne blogger e le loro postazioni di lavoro

Share Button

3 comments on Aumentare follower e visite al blog – cosa fare e cosa non fare

  1. pier giorgio
    18 maggio 2017 at 14:49 (9 mesi ago)

    “Concordo pienamente a metà col mister” come diceva in un’intervista l’allora calciatore (della Roma credo) Luigi Garzya. Mi ci ritrovo in quest’articolo, specialmente nell’immagine/tutorial sul rotolo di carta igienica. “E’ molto maschiale e anche un po’ uomale” (Antonio Albanese).

    Rispondi
  2. Maddalena
    2 dicembre 2017 at 15:47 (3 mesi ago)

    Bello, chiaro e utile, e mi piace la tua schiettezza nel dire che, giustamente, così eviti di dover riscrivere tutto a ogni mail. La storia del guest post è nota e ottima, ma sai che io non ho mai trovato nessun grande blog dove propormi… e dove l’ho fatto non ho avuto nessuna risposta sebbene ci fosse la sezione “guest post”? 🙁 Ps: nel tuo articolo ci sono alcuni errori, anche se sono tanto, tanto piccola nel web, te lo dico da lettrice e non da blogger: fa piacere, tanto più in un post chiaro e ben scritto, trovare che tutto fila liscio ed è pulito e corretto. 🙂

    Rispondi
    • Silvia Lonardo
      4 dicembre 2017 at 10:13 (3 mesi ago)

      Ciao! Grazie mille per la segnalazione degli errori, ho riletto il post (uno dei miei difetti: non li rileggo mai) e ho corretto 😛 Spero non mi sia sfuggito nulla, in effetti anche a me da fastidio trovarli da lettrice 😛

      Per quanto riguarda i guestpost non saprei, a me è capitato sia di scriverne che di ospirarne. Certo, deve trattarsi di un tema in linea con il mio blog, ma sono bene accetti. Se hai qualche idea proponi pure! 🙂

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *