Come avere e come spendere il bonus cultura di 500€ per i neo 18enni

Bonus cultura per i nati nel 1998
Dal 3 novembre 2016 tutti i residenti in Italia che hanno compiuto (o compiranno) 18 anni nel 2016 possono richiedere il contributo del Governo da spendere in cultura. Il bonus di 500 Euro fornito dal Governo potrà essere utilizzato per libri, biglietti del cinema, concerti, eventi culturali, musei monumenti e parchi, teatro e danza e dovrà essere speso entro il 31 dicembre 2017. Per utilizzare il bonus, è necessario registrarsi al sito 18app.it con la propria identità digitale (SPID) entro il 31 gennaio 2017.

bonus-cultura-500-euro

La procedura per richiederlo, però, non è così semplice: i giovani che ne vogliono usufruire devono ottenere lo Spid, l’accredito elettronico presso la Pubblica amministrazione che comprova l’identità digitale e poi scaricare un’App (18app, reperibile sul sito http://www.18app.italia.it sul quale trovate anche molte informazioni e risposte) e creare il proprio borsellino virtuale. A questo punto è possibile cominciare a spendere i 500 euro per formazione culturale con gli esercenti convenzionati.
Può sembrare complicato, ma sono sicura che i diciottenni non avranno nessun problema a destreggiarsi con una app 🙂

Tra gli esercizi convenzionati in cui è possibile spendere il buono c’è anche Amazon.it, ovviamente nella categoria Libri ed eBook Kindle
Per maggiori informazioni su come spendere il bonus cultura su Amazon, trovate tutte le info su QUESTA PAGINA

bonus-maggiorenni

Share Button

2 comments on Come avere e come spendere il bonus cultura di 500€ per i neo 18enni

  1. libreria atlantide
    29 dicembre 2016 at 16:19 (1 mese ago)

    oltre ad Amazon, anche tante librerie sono ormai attrezzate per ricevere i buoni. E tra l’altro, pagano le imposte sul suolo italiano, fino all’ultimo cent,mantenendo viva la comunità in cui risiedono. Ad onta dell’elusione fiscale perpetrata da Amazon!
    sarebbe più etico indirizzare da loro i lettori!

    Rispondi
    • Silvia Lonardo
      30 dicembre 2016 at 12:44 (1 mese ago)

      Amazon tiene vivo il lavoro dei corrieri però ;D anche loro sono tanti!

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *